Menù

Antiestetiche smagliature! Si può fare qualcosa?

Condivisioni
Leggi con attenzione

Eccole lì, quelle antiestetiche striature bianche: le smagliature! Si presentano spesso dopo una rapida perdita di peso, durante il cambiamento puberale, con la gravidanza o semplicemente con il passare del tempo. Per alcune persone sono proprio inevitabili perché la loro comparsa non è solo legata agli eventi sopra citati, ma anche al tipo di pelle. Più questa è naturalmente elastica minore sarà il rischio di incorrere nelle smagliature, viceversa una pelle poco elastica sarà più soggetta.

Se con l’utilizzo quotidiano e costante di oli e creme idratanti ed elasticizzanti possiamo cercare di prevenirle, purtroppo una volta che sono comparse è molto difficile mandarle via.

Ma vediamo innanzitutto di che cosa si tratta.

Le smagliature sono una sorta di cicatrici sottocutanee. In gergo tecnico si tratta di alterazioni di tipo atrofico, dalla forma lineare e molto definita, della parte di cute definita derma. Si formano quando c’è un cambiamento drastico e repentino della forma corporea a cui la cute fa fatica ad adattarsi.

Loading...

Le smagliature si localizzano soprattutto sulla zona interna delle cosce, quella esterna dei glutei, sull’addome, sui fianchi e sul seno. Le smagliature al primo stadio, ossia appena si formano, hanno un colore che va dal rosso al viola. Man mano che passa il tempo si schiariscono sempre di più fino a raggiungere il bianco perlaceo dello stadio più avanzato. Lo spessore e la lunghezza delle strie può essere molto variabile da persona a persona, ma quando sono di grandi dimensioni l’inestetismo diventa davvero molto evidente.

Cosa si può fare?

Purtroppo quello delle smagliature è un problema di difficile soluzione, tuttavia non è impossibile ottenere dei visibili miglioramenti dello stato della cute colpita. Le tecniche che vedremo hanno indicazioni diverse a seconda della gravità del problema e dello stadio delle smagliature.

  1. Cosmetici leviganti

    Si tratta di creme a base di acido glicolico, alfaidrossiacidi o tretinoina. Queste sono sostanze che aiutano a ricostruire lo strato di collagene sottocutaneo migliorando e minimizzando le smagliature. Purtroppo questi cosmetici sono efficaci soprattutto su smagliature recenti di colore rosso/violaceo, mentre possono ben poco su quelle vecchie. E’ inoltre assolutamente sconsigliato usarle durante la gravidanza.

  1. Trattamento laser DYE

    Si basa sull’utilizzo di luce pulsata con lunghezze d’onda specifiche che favoriscono la formazione di elastina e collagene sotto il derma. Non brucia ed è efficacie sia sulle smagliature recenti che su quelle più antiche.

  1. Trattamento con Fototermolisi Frazionale

    Anche in questo caso si usa un fascio di luce laser, ma scomposta in diversi microfasci. Questa tecnica provoca microlesioni sottocutanee invisibili con lo scopo di stimolare il derma nella produzione di collagene. Per questo motivo è efficace anche con le smagliature più vecchie. Come il precedente anche questo trattamento lascia la cute intatta.

  1. Tecnica della Microdermoabrasione

    Questa tecnica, indicata per smagliature importanti e di stadio avanzato, esegue una sorta di peeling profondo, ma localizzato con estrema precisione, lungo tutto il percorso della smagliatura. Eliminando gli strati superficiali della pelle la si stimola nella produzione di elastina e collagene. In questo modo la visibilità delle smagliature risulterà notevolmente attenuata.

  1. Trattamento con Laser ad Eccimeri

    L’obbiettivo di questo trattamento non è quello di stimolare il collagene o l’elastina, ma la formazione di melanina lungo le smagliature. In questo modo le si rende di un colore simile al resto della pelle mimetizzandole completamente. Questa tecnica è in pratica la stessa usata per la cura della vitiligine ed è indicata sulle smagliature molto vecchie.

Leggi anche  6 Tipi di Reggiseno che Dovresti Sempre Avere nel tuo Guardaroba

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top