Come attenuare le cicatrici con la bava di lumaca

Come attenuare le cicatrici con la bava di lumaca

Le cicatrici sono tra gli inestetismi della pelle più diffusi. Piccoli o grandi tagli del tessuto epiteliale causati da cadute, derivati da incidenti domestici oppure da interventi chirurgici nei casi più seri ma anche da smagliature, acne o malattie infettive.

Solitamente ci rassegniamo a lasciarle lì dove sono, convinti che non si possa più intervenire una volta che la crosta è caduta e la pelle ha preso il tipico colore biancastro. 

Ma in realtà esistono molti rimedi naturali che possono aiutare a rendere meno evidenti questi segni e migliorarne l’aspetto. 

Tra i più utilizzati c’è la bava di lumaca. Vediamo perchè questo ingrediente naturale è così potente e su quali tipi di cicatrici fa effetto. 

TIPI DI CICATRICI

Per sapere come intervenire sulla cicatrice, è necessario prima riconoscerne le caratteristiche. Esistono 4 tipi di cicatrici: 

  • le cicatrici normali, dal classico colorito più chiaro rispetto alla nostra carnagione;
  • le cicatrici atrofiche, facilmente riconoscibili a causa del loro aspetto scavato;
  • le cicatrici ipertrofiche, si formano in rilievo rispetto alla pelle e sono di un colore scuro. Rientrano in questa categoria tutte le cicatrici causate da punti di articolazione;
  • le cheloidi, le cicatrici più antiestetiche poichè tendono ad espandersi al di fuori della ferita stessa ed è molto difficile arginarle. 

Nel caso delle cicatrici più lievi e superficiali, come possono essere quelle da acne o da piccoli tagli tempestivamente medicati, si ottengono risultati ottimi. Anche le cicatrici ipertrofiche traggono giovamento soprattutto dal punto di vista del colore, che dopo alcune applicazioni tende a schiarirsi. 

Le cheloidi e le cicatrici atrofiche sono più difficili da trattare ma comunque l’utilizzo di una crema alla bava di lumaca aiuta a mantenere la pelle più elastica.

Loading...

Come usare la crema alla bava di lumaca 

La bava di lumaca è un potente alleato naturale per favorire il riassorbimento dell’inestetismo grazie ai principi attivi che contiene. Come ad esempio l’allantoina, che  stimola la produzione di collagene e risana rapidamente il taglio. Oppure l’acido glicolico che funge da esfoliante, restituendo alla pelle un aspetto levigato. Senza dimenticare un vasto gruppo di vitamine che svolgono un importante ruolo antiossidante.

A seconda del tipo di cicatrice da curare, esistono diversi modi di applicazione della crema alla bava di lumaca. Nel caso di interventi chirurgici che provocano cicatrici profonde, è consigliato un massaggio sulla zona almeno due volte al giorno. Il trattamento va prolungato per un lungo periodo sia che si tratti di segni recenti che più vecchi. 

Per le cicatrici da acne o da varicella, la crema va utilizzata giornalmente come una  normale crema idratante. Se invece si vuole agire preventivamente sull’insorgenza di una cicatrice particolare come le smagliature, spalmare la crema sulla zone critiche come glutei, seno e gambe tutti i giorni dopo la doccia.

E’ fondamentale spalmare la sostanza con un bel massaggio, per permettere ai principi attivi di penetrare a fondo nel tessuto e iniziare ad agire fin da subito. Già dalle prime applicazioni sarà possibile osservare graduali miglioramento.

Essendo un prodotto totalmente naturale, non rischiano neanche improvvise reazioni allergiche.

Articoli da leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*