Olio di fico d’india: proprietà e benefici

Condivisioni
Leggi con attenzione

Il fico d’India è un frutto molto comune sulle coste del Mediterraneo, è ricco di nutrienti e ogni sua parte vanta di innumerevoli proprietà benefiche. Il nome botanico del fico d’india è Opuntia ficus indica. Quest’ultimo proviene dall’America tropicale. Da moltissimo tempo però, questa pianta, viene coltivata in Italia nelle zone costiere più calde del Sud e nelle Isole.

Credits


Questo meraviglioso frutto appartiene alla famiglia delle Cactacee, ha infatti l’aspetto tipico di un Cactus, con rami trasformati chiamati cladodi che sembrano pale appiattite costellate di spine. La pianta del fico d’india può arrivare a misurare fino a 2-3 metri di altezza

Tra giugno e luglio il fico d’India emette fiori di un giallo brillante sulla sommità delle pale superiori, che si trasformano nel corso dell’estate in frutti con una buccia spessa, ricoperta da ciuffetti di spine irritanti, dalla polpa dolce e ricca di semi.

Ogni parte può essere utilizzata per scopi differenti. I frutti, le pale e il succo sono ricchi di proprietà nutritive e cosmetiche, mentre i fiori si possono usare per fare un infuso. Esiste anche l’olio di fico d’india, che è ricavato dai semi e il miele, ottenuto dai fiori di questa pianta.

L’olio del fico d’India

Dai semi del fico d’india è possibile estrarre un olio, che viene solitamente chiamato olio di cactus. Si estrae dai semi contenuti nei frutti ed è ricco di nutrienti e vitamine. È molto utilizzato in ambito cosmetico. Per ottenere un litro di prodotto si spremono a freddo circa 40 chili di semi.

In passato l’olio di cactus era utilizzato per curare ferite e scottature, ma anche per proteggere la pelle dagli agenti atmosferici. 

olio di fico d'india

È ricco di: 

  • Vitamina E e Vitamina F: svolgono un’azione antiossidante e antinfiammatoria;
  • Acidi grassi essenziali e proprietà cicatrizzanti: contrasta l’invecchiamento e i cedimenti della pelle con un’azione molto simile a quella del sebo. 

Come utilizzare l’olio di fico d’India (olio di cactus)

L’olio di fico d’India si può usare praticamente su ogni parte del corpo, capelli e labbra compresi, anche perché la sua consistenza lo rende facilmente assorbibile e semplice da stendere.

  • Alcune gocce di olio puro si possono applicare sulla pelle del viso o del corpo, mattina e sera, facendole assorbire con un lieve massaggio, magari insistendo sulle zone a rischio di smagliature o che iniziano a presentare rughe e cedimenti. È anche utile in caso di pelle irritata o lievemente scottata.
  • Si può usare come impacco settimanale sui capelli sfibrati e indeboliti, oppure semplicemente per rinforzarli e stimolare la ricrescita, lasciando agire per circa un’ora prima di procedere al normale lavaggio. 
  • L’olio puro, con l’aggiunta di qualche goccia di succo di limone, si può massaggiare su mani e unghie per sbiancarle e renderle morbide; meglio fare questo trattamento alla sera, prima di coricarsi e proseguire con costanza per un paio di settimane.
  • In combinazione con l’assunzione del succo ottenuto dalle pale, l’olio massaggiato regolarmente sulle parti interessate, con delicati movimenti circolari, aiuta anche a contrastare la cellulite.

Leggi anche: come accelerare il metabolismo con rimedi naturali

Loading...



Articoli da leggere:

Leggi anche  Sai che tipo di pelle hai? Ecco come la riconosci!
Loading...
loading...
Advertisement
Top