Menù

Abbronzatura perfetta? ecco tutti i cibi che ci aiutano ad ottenerla!

Condivisioni
Leggi con attenzione

Con l’arrivo della bella stagione iniziano i primi bagni di sole e tutti vorremmo avere una tintarella perfetta, duratura e soprattutto sana.

A tal proposito per ottenere un’abbronzatura omogenea è opportuno preparare la pelle all’esposizione solare, praticando degli scrub esfolianti su tutto il corpo, allo scopo di rigenerare l’epidermide e rimuovere le cellule morte. 

Altro aspetto da non trascurare per mantenere l’abbronzatura nel tempo è l’idratazione della pelle a partire dall’alimentazione che deve includere il consumo di frutta e verdura e soddisfare il fabbisogno giornaliero di liquidi.  

Forse non tutti sanno che alcuni di questi alimenti, se assunti regolarmente, aiutano la nostra pelle ad abbronzarsi più velocemente, grazie alla presenza di alcune sostanze e vitamine in essi contenuti ,come ad esempio il betacarotene e la vitamina A. 

Perchè ci abbronziamo?

Il meccanismo biologico che sta alla base della colorazione ambrata che tutti desideriamo avere quando ci esponiamo ai raggi del sole, ha una funzione protettiva e dipende dalla presenza di un pigmento, la melanina sintetizzata all’interno dei melanociti, le cellule responsabile della naturale colorazione della pelle, il cui tipo e la cui quantità è determinata geneticamente.

La produzione di melanina viene stimolata da un ormone la melancortina, soprattutto quando la pelle viene esposta al sole e ha la funzione di preservare le cellule dell’epidermide e del derma, dall’azione potenzialmente cancerogena che i raggi ultravioletti potrebbero causare. 

Tuttavia, anche se la melanina rappresenta una barriera difensiva per la nostra pelle, non è sufficiente a proteggerla totalmente dai danni che lunghi bagni di sole potrebbero causarle. 

Per questo è raccomandabile proteggerla ulteriormente applicando creme solari prima di ogni esposizione diretta ai raggi del sole ed evitare le ore più calde.

Alimenti che stimolano la produzione di melanina e favoriscono l’abbronzatura

Alcuni alimenti stimolano l’organismo a produrre dosi maggiori di melanina e questo è stato confermato anche da Coldiretti che, nel 2010, ha compilato una lista di tutti gli alimenti che aiutano la pelle ad abbronzarsi più in fretta e contemporaneamente, la proteggono dal caldo estivo, poiché contengono molti sali minerali.

Ecco quali sono:

Leggi anche  Lega una parte di capelli a coda di cavallo e con il resto realizza un'acconciatura in soli 2 minuti

Carote

Contengono betacarotene, un precursore della Vitamina A, responsabile della colorazione arancione e rossa di alcuni frutti e ortaggi.

Inoltre, le carote, sono ricche di cellulosa, lignina e pectina che aumentano l’apporto di vitamina C e facilitano il transito intestinale; 

Loading...

Melone

Questo buonissimo frutto estivo contiene vitamina C e betacarotene, stimola la produzione della melatonina e inoltre combatte l’azione dei radicali liberi,  grazie alla presenza di antiossidanti; 

Ananas

Favorisce l’idratazione e della pelle e riequilibra tutti i liquidi presenti nel nostro corpo e inoltre per merito della bromelina facilita la digestione e il transito intestinale.

 Albicocche

L’albicocca è un frutto che contiene vitamina A, vitamina C, ferro, fosforo, calcio e sodio. Mangiandolo non solo favoriamo la sintesi della melanina ma, in caso di stitichezza, è un valido aiuto poiché contiene sorbitolo;

 Pesche

Le pesche aiutano a rendere la pelle particolarmente vellutata grazie all’elevato contenuto di zinco e vitamine A, B, C e K.

Perché questi alimenti possono essere considerati alleati dell’abbronzatura?

Innanzitutto perché contengono quantità elevate di vitamina A, che stimola la produzione di melanina e poi perché hanno al loro interno è presente un quantitativo di liquidi e sali minerali tali da mantengono la pelle costantemente idratata.

 

Integriamo questi alimenti nel nostro piano alimentare, mangiamo “colorato” e questa estate avremo di certo una pelle dorata e bellissima, che tutti ci invidieranno.

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement

Che c’è di nuovo?

Top