Fai la doccia tutti i giorni? E’ troppo!

Condivisioni
Leggi con attenzione

Studi scientifici dicono che fare la doccia tutti i giorni non è una buona abitudine

È una questione puramente estetica, quando, per i soli fini igienici, sarebbe sufficiente farla due o tre volte a settimana. Ne guadagnerebbe anche la nostra salute.


La dottoressa Elaine Larson, medico infettivologo ci spiega il perché.
Secondo la studiosa “le persone credono che fare tante docce sia un bene per igiene e ci renda sempre più puliti; ma, da un punto di vista batteriologico, non è esattamente così”
Le sue ricerche dimostrano infatti che strofinandosi eccessivamente con spugne abrasive e abusando dei prodotti che usiamo sotto la doccia si rischia di annullare tutti i loro benefici, e addirittura di ottenere l’effetto contrario a quello auspicabile, in termini di igiene batteriologica.

Paradossalmente infatti, lavarsi con troppa foga e frequenza, anziché apportare un miglioramento dell’igiene personale aumenta il rischio di contrarre malattie infettive, visto che la pelle secca, danneggiata o screpolata può costituire una facile via d’accesso per batteri e germi, causa di dermatiti e follicoliti (infiammazioni dei follicoli piliferi).

Niente di irrimediabile: attraverso dei semplici accorgimenti, si evitare che la pelle perda le difese di cui dispone e far sì che riacquisti la sua resistenza. 
Cerchiamo ad esempio di prediligere l’acqua tiepida a quella fredda o calda e di non passare abitualmente ore ed ore a rilassarci nella vasca. Al bagno è preferibile invece una doccia veloce.

Molto spesso facciamo uso di saponi aggressivi e che producono tanta schiuma. Magari scegliendolo solo per la profumazione apparentemente gradevole e per il prezzo in offerta. Cerchiamo invece di acquistare solo prodotti di qualità elevata per il nostro corpo: saponi neutridermatologicamente testati. 

Loading...
Leggi anche  Quando il metabolismo rallenta: come riattivarlo

Prediligiamo saponi più delicati, e che non contengano una quantità eccessiva di fragranze artificiali e/o schiumogeni. Il risparmio è più opportuno farlo sulla quantità di prodotto utilizzato mentre ci si lava – d’altronde abbiamo già detto che ne basta poca: è inutile esagerare facendosi prendere dalla smania di ottenere un risultato migliore- piuttosto che lesinare sulla qualità di ciò che compriamo per prenderci cura del nostro corpo.


Infine, meglio abbandonare spugne o spazzole abrasive, in modo tale da evitare di rimuovere lo strato protettivo della pelle, esso è infatti una barriera naturale che mantiene la pelle umida, morbida e al sicuro dai germi esterni.
In conclusione quindi, quanto occorre lavarsi? Brandon Mitchell, professore di dermatologia alla George Washington University, sostiene che la frequenza perfetta sia 2-3 volte a settimana: “Le persone tendono a lavarsi troppo, dimenticando che il corpo è una macchina ben oliata in modo naturale. Fare la doccia tutti i giorni non è strettamente necessario”.

Ovviamente il discorso è diverso nel caso in cui si pratichi sport o si sudi eccessivamente, in tali circostanze è infatti ammissibile lavarsi dopo ogni sessione poiché la produzione di sebo aumentata rigenera più velocemente lo strato protettivo dell’epidermide

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top