Pleurite sintomi, cause e cure

Pleurite sintomi e cause: quali sono? Se è questa la domanda che ti stai ponendo in questo momento, prima di conoscere quali sono i sintomi della pleurite è bene spiegare cosa colpisce e quale organo interessa questa infiammazione. 

L’infiammazione interessa la pleura ossia una sottile membrana che avvolge i polmoni. Questa membrana è formata da cellule mesoteliali che hanno la funzione di secernere del liquido che lubrifica i polmoni, li aiuta a muoversi in modo ottimale all’interno della gabbia toracica e permette di ridurre l’attrito tra i polmoni e le ossa che compongono la gabbia. 

Ora che abbiamo spiegato cos’è la pleura, addentriamoci nell’argomento e vediamo cos’è e quali sono i sintomi della pleurite. 

Cos’è la pleurite? 

La pleurite è una patologia che identifica l’infiammazione della membrana che copre i polmoni ossia della pleura. Quando questa si infiamma si avvertono dei dolori intensi quando si respira o tossisce e si avverte un forte dolore ai polmoni, che impedisce di respirare in modo corretto. 

La pleurite identifica la presenza di un essudato, infatti questa è determinata da un versamento para-pneumonico che può essere causato o contemporaneo anche ad altre patologie come l’ascesso polmonare o la polmonite. 

Questa malattia, infine, si distingue tra due tipologie di versamento la prima prevede un versamento semplice, che di solito si riassorbe mediante una terapia antibiotica, mentre il versamento acuto di solito prevede un drenaggio esterno e una toracentesi. 

Pleurite sintomi: quali sono? 

Come accennato il sintomo principale della pleurite è un forte dolore al petto. Questo fastidio si avverte principalmente nel momento in cui si fa un colpo di tosse o si cerca di fare un respiro profondo. 

Il dolore se eccessivo nel tempo potrebbe portare anche a soffrire di mal di schiena, ed essendo un’infezione un sintomo della pleurite potrebbe essere anche la febbre. In ogni caso, c’è anche la possibilità di una pleurite senza febbre. Infine, se questa si acuisce potrebbe portare a riscontrare anche altri sintomi come: un respiro affannoso, tosse insistente e pelle dal colorito bluastro. 

Leggi anche  Hai deciso di perdere QUALCHE chilo di troppo? I 6 errori più frequenti

Pleurite cause 

Le cause della pleurite sono principalmente dovute ad un’infezione polmonare. Questa infezione potrebbe essere causata dal principio di una tubercolosi, da una polmonite o da una bronchite curata male. 

Le pleuriti tubercolari sono quelle più diffuse, e nonostante la tubercolosi sia una malattia molto meno frequente rispetto ai tempi passati, non è raro trovare chi soffre di pleurite come sintomo di un’infiammazione dovuta a un principio di tubercolosi. 

Loading...

Oltre che la pleurite da agenti infettivi, questa malattia può essere causata anche dall’artrite reumatoide, dal lupus, dall’asbestosi oppure come conseguenza di un tumore. 

Infine, tra i fenomeni che possono causare la pleurite troviamo quelli allergici e immunitari. In questi casi c’è un’ipersensibilità allergica ritardata o immediata e può comportare uno sconvolgimento immunitario abbastanza marcato. 

Cura per la Pleurite 

La pleurite si cura in base al tipo di infiammazione dal quale è causata. Quindi la prima cosa da fare è rivolgersi a un medico o ad uno specialista che possa fare una diagnosi completa e definire da cosa sia causata la pleurite. Quando l’infezione è batterica la terapia solitamente si basa su un ciclo antibiotico, che viene prescritto dal medico. 

Se l’infezione è virale il medico potrebbe consigliare dei medicinali che permettano di sentire meno dolore e combattere il virus che ha fatto infiammare la pleura. 

Come accennato in precedenza, in casi gravi la cura della pleurite prevede una rimozione dei fluidi che sono presenti nei polmoni attraverso un’operazione chirurgica che fa fuoriuscire i liquidi in eccesso che si trovano nella pleura. 

In linea generale, per curare la pleurite ci possono volere settimane, specie se questa si presenta in forma acuta. In ogni caso, si consiglia di affidarsi sempre al proprio medico curante sia per l’individuazione della malattia sia per la sua successiva cura. 

Articoli da leggere:

Torna su