Menù

Tappo mucoso gravidanza: cos’è e quando si perde?

Condivisioni
tappo mucoso
Leggi con attenzione

Se sei incinta, o hai in programma di diventarlo, di certo avrai sentito parlare del tappo mucoso in gravidanza: cos’è e quando si perde? Nonostante una donna possa avere molte nozioni sul funzionamento del suo corpo quando è in attesa di un bambino, ci sono aspetti meno divulgati di altri. Però è bene sapere esattamente cosa ti aspetta, per poter vivere con maggiore serenità la tua gravidanza.

Tappo mucoso gravidanza cos’è?

Fonte: embarazoymas.net

Quando il corpo femminile si prepara ad accogliere una nuova vita che cresce, mette in atto una serie di modifiche per proteggere al meglio il feto che si sviluppa. Il tappo mucoso fa parte di queste modifiche: si tratta di una secrezione gelatinosa che va a chiudere il collo dell’utero e inizia a formarsi fin dalle prime settimane di gestazione.

Il tappo mucoso ha un ruolo importante perché protegge il sacco amniotico sia in modo puramente meccanico, creando una barriera con l’esterno, sia in modo immunologico, impedendo l’ingresso di batteri e corpi nocivi. Siccome è formato da acqua e glucoproteine, ha una consistenza gelatinosa

Perdita tappo mucoso in gravidanza: quando avviene?

Fonte: Mama Natural

Nel momento in cui si avvicina il parto la futura mamma comincia ad avvertire alcuni sintomi. La schiena comincia a fare più male del solito, si avvertono contrazioni, e soprattutto si perde il tappo mucoso. Attenzione però: ciò non vuol dire che il travaglio è iniziato.

Infatti la perdita tappo mucoso in gravidanza può avvenire fino a sei settimane prima della data prevista per la nascita. Si elimina piano piano per aprire la strada al bambino. L’eliminazione del tappo mucoso in gravidanza può avvenire in modi diversi, poiché varia a seconda della fisiologia della donna.

Loading...
Leggi anche  Pillola anticoncezionale effetti collaterali: quali sono?

Alcune donne lo perdono poco alla volta, e magari nemmeno se ne accorgono. Altre invece lo perdono in una sola volta, e possono così osservarne meglio la consistenza e la formazione. Il tappo mucoso in gravidanza ha immagini molto variabili da donna a donna perché dipende dalla sua fisiologia. Ci sono casi in cui però è bene chiedere il parere del ginecologo.

Nel tappo mucoso ci possono essere tracce di sangue. Questo è normale per via della rottura dei capillari. Se però è troppo, consultare il medico. Il tappo mucoso può avere striature marroni: potrebbe essere sangue vecchio ma è sempre meglio verificare.

Se il tappo mucoso è di colore giallastro e ha cattivo odore, ciò potrebbe indicare un’infezione in corso che potrebbe nuocere al bambino. Infine, se si stacca troppo presto, prima delle sei settimane dal termine della gestazione, potrebbe indicare un parto prematuro

In linea di massima, però, in gravidanza il tappo mucoso è un alleato della mamma e del bambino, e non un loro nemico. Serve a proteggere il feto, e ad indicare che è giunto il tempo per il piccolo di venire al mondo. Sapere esattamente di cosa si stratta però può aiutare una mamma a vivere serenamente la sua dolce attesa

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top