Nei nostri articoli ti abbiamo parlato stesso della “cervicale”, che è la zona del collo subito dietro la nuca che molto spesso causa dolore. In questo articolo ti abbiamo spiegato alcuni possibili rimedi, e in questo ti abbiamo raccontato quali sono le possibili cause scatenanti di questo malessere.

Oggi però vogliamo approfondire l’argomento da un altro punto di vista, che viene sovente trascurato ma che invece potrebbe fornire la chiave di lettura giusta per liberarsi una volta per tutte del terribile dolore alla cervicale.

Il punto che noi definiamo “cervicale” è uno snodo importante tra la testa e il resto del corpo. Qui si trovano terminazioni nervose e si articolano due vertebre molto importanti della spina dorsale, l’atlante e l’epistrofeo. 

Fonte: www.iozummo.com share

Ti dice niente la parola “atlante”? Oltre ad essere il termine con cui indichiamo il volume che raccoglie le mappe del globo terrestre, era anche il nome di un gigante leggendario che, secondo gli antichi, sorreggeva il peso del mondo sulle sue spalle.

Ecco, le vertebre atlante ed epistrofeo sorreggono il nostro mondo emotivo: sono quelle preposte ai movimenti che ci permettono di esprimere i concetti del “si” e del “no”. Quando proviamo dolore in questa zona, è come se ci fosse un problema tra le emozioni e la loro possibilità di esprimersi.

Di solito si dice che a causare il dolore alla cervicale è un problema posturale: ma la postura è anche espressione di uno stato d’animo. Se tieni la testa incassata tra le spalle, vuol dire che sei una persona rigida, concreta. Se invece protendi la testa in avanti, sei preoccupato del futuro e non riesci a godere il presente.

Loading...

Se ti fa male la cervicale, per prima cosa devi consultare un medico e verificare se c’è una causa fisica. Ma se non la trovi, prova a cercare la risposta in te stesso. Reprimi i tuoi sentimenti, vivi in modo razionale e non istintuale? Forse dovresti lasciarti andare un po’ di più.

E il dolore alla cervicale sparirà!