La suocera, un insidioso nemico pronto a sorprenderti quanto meno te lo aspetti; impariamo a prevederne le mosse!

Lei è pronta, ha le sue armi e conosce il suo nemico: l’obiettivo? Chi, delle due donne, avrà più influenza sul figlio!

Ti scruta, si mostra amichevole, ma è solo una tattica, lei sa dove e quando colpire. Devi saper incassare e controbattere, ne vale della tua serenità domestica!

 

Se Sun Tzu (generale e filosofo cinese autore di uno dei più significativi trattati sulla guerra: L’arte della guerra) dovesse darti dei consigli, molto probabilmente direbbe:

 

 

1.     Non sottovalutarla mai, anche quando non sembra è sempre sul piede di guerra

Mantieni sempre un certo controllo della situazione quando ti trovi al cospetto del “nemico”, non concederle tregua, mantieni le distanze in modo velato, non accontentarla troppo  e spesso, cerca di usare anche la parola NO di tanto in tanto. Ricorda di non sottovalutarla, lei non dorme, ti osserva; osserva le tue mosse ed è pronta ad inserirsi nella tua vita mettendosi a confronto con te. Non lasciarle tutto questo spazio. Cercherà sempre di apparire, agli occhi del figlio, migliore di te, rammenta!

 

 

2.     Conosci il nemico, conosci te stesso e non conoscerai sconfitta

Quali sono i tuoi punti deboli? Devi capire quali sono  i tuoi punti deboli e nasconderli, mentre, invece, devi conoscere i suoi per metterla in difficoltà. In sua presenza dimostrati forte, concentrata e con i tuoi punti di forza ben in mostra. Non lasciarti irritare dalle sue frecciatine, sii calma, scruta sempre le situazioni e colpisci quando è il momento giusto.

I suoi punti deboli? Di solito è arrogante, inutilmente pignola, vanitosa e assillante. Dovrai conoscerli tutti e sfruttarli a tuo vantaggio.

 

 

3.     Il risultato consiste nel conquistare il suo territorio, distruggerlo non è un risultato

Bisogna conquistare il campo di battaglia , la distruzione del “nemico” non serve agli occhi del figlio; è pur sempre sua madre e per quanto tenga a te non accetterà mai la sua distruzione. Quindi dovrai, a piccoli passi, conquistare terreno, finché il figlio riconoscerà la tua “supremazia”.

 

 

4.     Un’alleanza è strettamente necessaria per la vittoria

  Il figlio è l’arma migliore , la suocera punterà a sfruttare proprio quest’arma, cercherà di ottenere il consenso del figlio, e dovrai cercare di spezzare quest’alleanza e far in modo tale da ottenere l’appoggio completo dal tuo compagno; è fondamentale . Se il tuo compagno non ti appoggia è necessario interrompere la “battaglia” e concentrarti su di lui affrontando insieme le motivazioni che lo portano a stare dall'altra parte “della trincea”.

 

 

5.     Vincere senza combattere, è questo il tuo obiettivo

Cerca di non esporti molto e fallo solo se strettamente necessario. Lascia al tuo compagno il compito di comunicare le notizie meno piacevoli o le decisioni familiari importanti. Non cercare lo scontro, è compito del figlio tenere “a bada” sua madre. Gioca d’astuzia e resta nell'ombra. Pochi “colpi”, ma buoni.

 

 

Un po’ di tattica

Per affrontare al meglio la “battaglia” è necessaria un po’ di preparazione tattica. Presentarsi preparati è importante, bisogna prima studiare la vittoria a tavolino e poi vincere, non lasciare mai nulla al caso . Non affrontarla se non sai di uscirne vittoriosa, meglio aspettare tempi migliori.

Non farti trovare impreparata al suo arrivo, soprattutto se spesso è a casa tua, quindi casa ben in ordine e pulita, tutto al suo posto; non lasciarle alcun appiglio a cui aggrapparsi.

Le “battaglie” devono essere rapide e non devono durare troppo, in stile Viet Cong, cerca di affrontarla sempre in un “territorio” dove ti senti più a tuo agio. La situazione di ostilità va risolta nel breve periodo, non lasciate che la situazione migliori da sola con il tempo, ma cerca di arrivare sempre ad una conclusione.

Dopo aver capito i suoi punti deboli cerca di usarli a tuo vantaggio, non fare mai la prima mossa , anzi cerca di portarla ad agire impulsivamente, se, ad esempio, è arrogante, quando sei in presenza del tuo compagno cerca di portarla al limite, senza insistere in modo palese, ricorda che tu non cerchi lo scontro.

Definire i ruoli a casa tua è molto importante, sei tu la padrona di casa, lei è solo un ospite.

 

Se vi ritrovate in queste poche situazioni qui descritte non esitate ed approfittate di questi pochi consigli.

 

Ovviamente non tutte le suocere sono delle nemiche invadenti, ma è giusto sapere che ci sono e quindi essere in grado di difendersi qualora ci si ritrovi di fronte ad un nemico così ostile.