Lavanda: profumo di Provenza e tanto altro…

Condivisioni
Leggi con attenzione

Siamo abituati ad associare la lavanda ai romantici sacchetti in lino infilati nei cassetti per profumare la biancheria. Ma è bene sapere che questo è solo uno dei mille modi in cui poter utilizzare la lavanda.

Il suo nome scientifico è Lavandula officinalis ed è una pianta spontanea che cresce a cespuglio. Durante la fioritura si riempie di piccoli fiori dal colore che varia dall’azzurro al lilla, disposti in modo da formare una spiga. Essendo una pianta piuttosto rustica, la lavanda non richiede particolari cure, ma è indispensabile che abbia uno spazio sufficientemente ampio per crescere rigogliosa.

Conosciuta fin dall’antichità per le proprietà aromatiche, la lavanda era apprezzata anche per le sue qualità medicamentose, ci sono documenti storici che ci raccontano come la lavanda fosse utilizzata per la produzione di un medicinale che combattesse disturbi gastro-intestinali come singhiozzo o nausee o crampi intestinali.

lavanda2 e3414

Oggi possiamo trovare la lavanda sotto diverse forme, abbiamo ad esempio l’olio essenziale nel quale il suo potere medicamentoso raggiunge l’apice. E’ bene sapere infatti che bastano poche gocce di olio essenziale di lavanda per lenire scottature o infiammazioni della pelle; aggiunto ad un poco di olio di oliva può essere un valido aiuto per contrastare il prurito dovuto alle punture di zanzara.

L’olio essenziale di lavanda inoltre ha un forte potere rilassante, aggiunto all’acqua del pediluvio riesce a togliere tutta la stanchezza accumulata durante una giornata faticosa; se strofinato sulle tempie è in grado di ridurre notevolmente il mal di testa da stress. Infine aggiunto all’acqua calda (insieme ad un po’ di bicarbonato) è ottimo fare suffumigi in caso di raffreddore.

Leggi anche  Apre il primo Bar dei Gatti a Milano il 23 ottobre

olio adc32

Loading...

Come abbiamo già detto della lavanda è apprezzato anche il profumo, ma non è usato solo per dare un buon odore alla biancheria, è utilizzato anche in aromaterapia sottoforma di acqua floreale. La lavanda ha infatti un forte potere rilassante e per questo è indicato in caso di insonnia, spruzzare un po’ di acqua floreale sul cuscino, su un fazzolettino da tenere sul comodino o comunque nella stanza, aiuterà a conciliare il sonno. Ma non basta, in caso di dolori reumatici è consigliato massaggiare acqua floreale ed olio essenziale di lavanda sulla parte dolorante per avere un apprezzabile sollievo.

acqua 0595d

Assumere una tisana ai fiori di lavanda avrà benefici effetti diuretici, basterà un cucchiaino di fiori secchi da mettere in infusione in 250 ml di acqua, se si preferisce è possibile aggiungere qualche fiore di camomilla o melissa per avere un sapore più gradevole.

Come avete potuto vedere la lavanda non è solo bella da vedere nel pieno della sua fioritura, ma è anche un ottimo alleato della nostra salute e del nostro benessere.

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top