Sposarsi al giorno d’oggi, o comunque metter su famiglia, non è una decisione da prendere a cuor leggero.

Il futuro è incerto, il lavoro è precario e il prezzo di una casa in affitto è proibitivo per coloro che hanno difficoltà ad arrivare a fine mese persino da soli. Riuscire ad acquistarla poi, è un sogno!

Eppure arrivati ad una ’certa’ età, il desiderio di vivere insieme alla persona di cui si è innamorati, si fa sempre più forte. 

Ma sarà quella l’età giusta?

E cosa intendiamo per giusta? E’ chiaro, nel momento in cui viene presa la decisione di convolare a nozze, per ognuno è quella l’età giusta, quella cioè in cui ci si sente pronti ad affrontare insieme responsabilmente le varie problematiche legate al matrimonio, ai figli e alle spese che una famiglia comporta.

Se pensiamo però che in passato ci si sposava anche a 16 anni, oggi possiamo affermare che forse poteva essere ’precoce’ in quanto guardandoci intorno, oggi a quell’età i nostri ragazzi sono poco più che bambini.

La teoria del 37% risolve il problema

Due teorici molto ispirati hanno forse trovato la soluzione a tutti i problemi esistenziali grazie all’informatica delle decisioni umane. Il giornalista Brian Christian e un professore di scienze cognitive Brian Griffiths ce lo espongono in un loro libro ’Algoritmi for Live’ evocando la famoso ed intrigante teoria del 37% .

Ma cosa significa?

Questa regola universale può essere applicata ogni volta che ci troviamo a dover prendere una decisione relativa ad ogni aspetto della vita, dalla scelta del colore dell’auto a quella di un appartamento.

Da questa curiosa teoria i due uomini sono giunti alla conclusione che l’età perfetta per trovare l’anima gemella è 26 anni. 

Una questione di maturità? 

Niente affatto, secondo questa teoria è una questione di algoritmo , poichè un individuo dovrebbe fare delle scelte nel momento in cui ha raggiunto il 37% del suo potenziale, nè troppo presto, nè troppo tardi.

Per esempio se si sta cercando un appartamento e se ne visita una al giorno per tre mesi, la scelta cadrà sul 37 mo appartamento.

Ovviamente è diverso se ci si concentra sui rapporti umani che sono sicuramente più complicati da gestire.

Gli esperti stimano un’età approssimativa in cui ricerchiamo l’amore, che va dai 18 ai 40 anni, pertanto il momento giusto in cui pensare di fare un bilancio e decidere se sposarsi o meno, sarebbe appunto 26 anni.

E’ a quell’età in cui si è abbastanza fiduciosi, sicuri e consapevoli di cosa si vuole e soprattutto di quello che non si vuole nella propria vita.

In ogni caso questa tesi sembra essere confermata da altri studi che si sono mossi in questa direzione.  

Un sondaggio condotto da  Nicola H. Wolfinger ha confermato che l’età ideale per sposarsi è compresa tra i 28 e i 32 anni, superati i quali aumenta per ogni anno in più, il rischio di divorzio del 5% 

Tu cosa ne pensi?