Avete presente la sensazione gradevole e rilassante che si prova indossando un paio di pantofole morbide e vellutate dopo ore di supplizio trascorse su dei tacchi?
Un uomo che ti capisce è più o meno così.

È quella sensazione di entrare in casa e sentire profumo di buono.

È il bottone che stacchi dal pantalone troppo stretto.

È il té caldo in un freddo inverno.

È l’acqua che bevi dopo una pietanza piccante (che poi in effetti è un palliativo!)

È il cuscino su cui poggi la testa pesante.

È il berretto che ti copre in un pomeriggio ventoso.

È la meraviglia di poter cantare in modo stonato una canzone a squarciagola.

È il caffè che bevi quando sei giù di tono.

È il tepore del sole quando sei infreddolita.

È la doccia fresca quando sei sfinita.

È il dolce ipercalorico che mangi senza pensare alle conseguenze.

Insomma, l’uomo che ti capisce è una piacevole sensazione di benessere psico-fisico, lui ti permette di rilassarti, di mostrarti non soltanto “in tiro” come ai matrimoni, ma è lì nei momenti successivi, quando torni a casa, togli gli abiti stretti, strucchi gli occhi, sleghi i capelli, ti scaraventi sul divano, stravolta dalla giornata, ti guarda e dice “ti ho mai detto che sei bellissima?” e tu pensi “ma che si sarà bevuto?!”.

L’uomo che ti trova bellissima, ti sta guardando da un altro punto di vista. Lui ti capisce perché ha capito la parte di te che non mostri agli altri e di quella si è innamorato.

Loading...

Sono tanti gli esemplari su questo pianeta, se non ne abbiamo ancora incontrato uno, non demordiamo!

Elisa Irene Anastasi