5 abitudini che disattivano i pensieri negativi

Condivisioni
Leggi con attenzione

Poichè tutto è un riflesso della nostra mente, tutto può essere cambiato dalla nostra mente. Buddha

Se ti soffermi a riflettere rivolgendo a te stesso una semplice domanda: “A cosa servono i pensieri negativi?” sono sicura che risponderesti: “ A niente!“, perchè in realtà hanno come unico obiettivo  quello di destare preoccupazioni inutili ed emozioni avvilenti e ansiogene.

Il pensiero negativo infatti non ha nulla a che vedere con te come persona, non ti definisce e non può determinare il tuo destino, almeno fin quando tu stesso non contribuisci ad alimentarlo conferendogli potere.

Troppo spesso, tuttavia, questi pensieri si impadroniscono della nostra mente, influenzano le nostre scelte e le nostre emozioni, condizionano la nostra vita di relazione, alimentano paure divenendo sempre più tossici per il nostro benessere. 

Cosa fare allora per liberarsi dei pensieri negativi?

Secondo gli esperti, la prima cosa da fare è impedire che i pensieri negativi circolino indisturbati nella nostra mente, e l’unico modo per farlo è quello di focalizzarli, ossia prenderne consapevolezza.

Uno dei passaggi fondamentali è quello della ristrutturazione cognitiva, una tecnica psicologica finalizzata alla modificazione di alcune convinzioni personali disfunzionali, relative al mondo circostante e a se stessi.

A larghe linee è ciò che viene fatto nella terapia cognitivo-comportamentale, dove vengono esaminate le cognizioni dell’individuo e le sue reazioni emotive e comportamentali rispetto ad eventi esterni, allo scopo di modificarne lo schema mediante un ragionamento logico e razionale, trasformandoli in pensieri e comportamenti più realitici e funzionali.

Questo non significa che dobbiamo necessariamente chiedere aiuto a professionisti o almeno non fino a quando i pensieri negativi scaturiscono da un quadro clinico assimilabile a depressione, crisi d’ansia, attacci di panico ecc.

Possiamo imparare gradualmente, seguendo alcuni passaggi, a cancellare quella patina grigia dai nostri pensieri e affrontare la vita indossando un paio di lenti rosa, riportando i nostri pensieri all’ottimismo.


Osserva il pensiero

Quando nella tua mente affiora un pensiero negativo, non ignorarlo.

Immagina di sederti all’interno della tua mente e semplicemente osservalo, come faresti con degli uccellini che svolazzano davanti alla finestra della tua camera.

In genere, come già anticipato, il pensiero negativo è il frutto di distorsioni cognitive o di modelli di pensiero irrazionali. Solo affrontandolo potrai capirlo e avvertire che lentamente andrà dissipandosi.

Evita la ruminazione 

Insistere a rimuginare sempre lo stesso pensiero, non serve a niente, a meno che non si attivi il lobo frontale alla ricerca di una soluzione.

Un metodo pratico per evitare la ruminazione inutile è prendere un foglio di carta e dividerlo in due colonne.

Nella prima annotare il pensiero, ogni volta che si presenta, e nella seconda la possibile soluzione.

Leggi anche  Dipendenza dall'abbronzatura: l'avresti mai detto?

Alla fine della giornata, settimana o mese, controlla la lista e conta il numero di volte in cui è comparso un pensiero negativo e cosa hai fatto per risolvere il problema.

Loading...

Ci sono cose che hanno davvero così tanta importanza, da non aver trovato una soluzione?

Valuta l’attendibilità del pensiero

Alcune volte ci complichiamo la vita inutilmente, fasciandoci la testa prima ancora di cadere. E’ importante nel momento in cui un pensiero negativo si impadronisce della nostra giornata, valutare quanto sia vero quello che ci diciamo.

Dire a se stesso ad esempio: ”Non ho abbastanza soldi“ vuol dire poco e niente, nel senso che per affermarlo seriamente e preoccupartene devi averne le ’prove’. Non puoi rovinarti la vita perchè vorresti milioni sul conto bancario e invece vivi di stipendio.

Anche in questo caso prendi un foglio e dividilo in due colonne: nella prima annota le prove che non hai abbastanza soldi ad esempio il saldo del conto corrente, quante volte e se hai dovuto chiedere un prestito o un anticipo di stipendio, ecc e dall’altra una prova obiettiva che dimostri il contrario ad esempio una casa, cibo o vestiti.

Sei proprio sicuro al 100 per cento che non hai abbastanza soldi?

Pratica semplici esercizi di meditazione

Attraverso la meditazione ci viene offerta la possibilità di raggiungere maggior conapevolezza riguardo ai nostri pensieri. 

Basta fermarsi, respirare ed entrare in contatto con loro. Ognuno di noi può esercitarsi gradualmente, nei momenti di maggiore stress, secondo un proprio metodo personale, per ritrovare la calma e la serenità interiore, spostando lo sguardo verso un orizzonte positivo.

Convinciti che i pensieri sono temporanei e fugaci

Come già detto siamo noi stessi a dare forza e potere ai pensieri negativi. So che è difficile ma vale la pena convincersene, non importa quali siano i pensieri negativi che attraversano la tua mente, se ti distrai distogliendo l’attenzione, se ne andranno.

Prova a ripetere a te stesso, ogni volta che ne riaffiora uno: “ Questo è solo un pensiero negativo, lo osserverò, ma non gli darò troppa importanza, poichè tra poco se ne andrà”

Se hai trovato utili questi consigli condividili con i tuoi amici!

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top