Il fisico, la bellezza, lo specchio, la dieta, gli spot, la prova costume…

Ho deciso di intervistare alcune persone (le domande erano uguali per tutti e le loro risposte appaiono una di seguito all'altra), con corporature e età differenti, provenienti da diverse parti d’Italia, con lavori e passioni tra i più disparati, per avere un campione variegato. L’obiettivo propostomi era quello di capire se, nel guardare la TV o nello sfogliare una rivista, ci sentiamo compiaciuti o frustrati talvolta.

Partiamo subito con le domande…

1)      Cosa ti piace del tuo corpo?

- Le gambe

- Le braccia

- Le mani e la "stabilità" (quel misto di equilibrio e peso che ti salda a terra)

- Il viso

- Lo sguardo

- Gli occhi, lo sguardo

- Quasi nulla negli ultimi anni

- Le gambe

- I piedi

- Il naso

- La forma degli occhi

- Gli occhi

2)      Cosa non ti piace del tuo corpo?

- Il seno

- Il naso

- L'estetica in generale

- La statura

- Il naso

- I piedi

- Il sedere e la muscolatura poco elastica

- Le gambe

- Nulla, a parte i piedi

- I denti

- Il naso

- I capelli

3)      Il tuo fisico è cambiato nel tempo?

- Non molto

- Un po’

- Sì, certo

- Si

- Non molto, ma inevitabilmente si

- Si

- Si, più robusto

- Si e non poco

- Si

- No

- No

- No

- Sì, è cambiato spesso negli anni… Gravidanze, diete....

4)      La tua corporatura ha influito sul tuo carattere, negli anni?

- Si

- Un po’

- Credo proprio di si

- Sì, moltissimo

- Credo che il mio corpo sottolinei il mio carattere (nella fisiognomica)

- No

- Ritengo di no in generale, ma negli ultimi anni essere ritornato in peso forma dopo la separazione coniugale mi ha aiutato anche psicologicamente

- No, forse sull’umore, ma non sul carattere

- Sul carattere no, sull’umore sì

- Si

- Molto

- La mia corporatura ha influito molto da bambina e nell'adolescenza

5)      Quanto conta l’immagine nella società di oggi?

- Molto

- Troppo

- Molto, moltissimo

- Nella società di oggi l'immagine conta moltissimo

- Molto più di molto

- Sufficientemente

- Ahimè tanto, troppo!

- Troppo

- Troppo

- Sfortunatamente troppo

- Molto

- Si, purtroppo l'immagine conta parecchio, soprattutto in giovane età

6)      Secondo te, si fa più caso all’immagine o alla salute?

- All’immagine , anche se spesso una bella immagine è associata anche ad una buona salute!

- All’immagine

- Immagine

- Molti tengono conto solo dell'immagine e poco della salute

- All'immagine

- All’immagine

- Ahimè all'immagine, la salute viene sempre dopo!

- all’immagine

- All’immagine

- All’immagine

- All’immagine

- Secondo me si fa comunque più caso alla salute

7)      Il primo biglietto da visita, secondo te, è sempre l’aspetto esteriore?

- Si, purtroppo

- Quasi sempre

- Quasi sempre, si. È naturale

- Certamente, l'aspetto esteriore è il primo biglietto da visita

- Non sempre

- Assolutamente no

- Un misto di aspetto esteriore e di carattere

- Sì e ci si fa condizionare troppo spesso da questo

- Si

- Si

- Ovvio

- Il primo biglietto da visita per me è una sensazione a pelle, energie, ma per moltissimi è l'aspetto esteriore, soprattutto negli ambienti lavorativi

8)      Ti rivedi nei canoni di “bellezza” proposti in tv, sul web, sulle riviste?

- No

- No

- No, assolutamente

- Assolutamente no

- Non molto

- Minimamente

- Assolutamente no, punto sull'essere interessante (infatti scopo poco!) e sull'umorismo

- No, e per fortuna direi, dal momento che il 90% delle persone proposte sono “rifatte”

- Assolutamente no

- No

- Si

- No non mi ci trovo per niente nei canoni di bellezza proposti in tv e nelle riviste. Sono anni luce lontani da me

9)      Se avessi la possibilità di creare una pubblicità, che tipo di attori sceglieresti, fisicamente parlando?

- Persone normali, non statuarie

- E’ proprio la pubblicità e la televisione in generale che hanno distrutto l’idea di “normalità”, convincendo tutti che per essere belli o belle bisogna essere al di sopra di ciò che si vede comunemente in giro

- Se la società la pensasse come me dei tipi "normali", arrivabili.

- Sceglierei sicuramente attori snelli, alti e muscolosi

- Di corporatura normale, tipo Al Pacino, per intenderci…

- Persone comuni

- Brutti, così guadagno punti! Bellezze naturali comunque, non rifatte!

- Persone miste, di tutti i giorni, come quelle che incontriamo per strada o al lavoro, quindi tanto belle, quanto brutte

- Normali, che appartengono alla maggioranza

- Più vicini alla realtà

- Belli

- Sceglierei attori simili alla gente comune, soprattutto simpatici, Bisio per esempio, o Zingaretti, molto affascinante, e donne con qualche chiletto in più

10)    Perché, secondo te, vengono proposti sempre “i belli”?

- Penso che sia legato ad un aspetto consumistico

- Perché piacciono

- Perché devi pensare che i "belli" hanno una marcia in più, e usando quel prodotto anche tu sarai un "bello"

- Perché nella società di oggi l'immagine ha un ruolo fondamentale

- Perché la via facile è la più battuta

- Perché spesso sulle decisioni prevale l'ormone

- Miele per le mosche

- Perché pare che le leggi del mercato preferiscano poter vendere un prodotto solo se proposto da un bel viso o bel corpo

- Perché si giudica con gli occhi

- Perché la maggior parte delle persone non la pensa come me

- Perché la prima cosa che attira è la bellezza

- Vengono proposti i belli perché si guarda più al barattolo che al contenuto

11)    Conosci la campagna “ImNoAngel”?

- Si

- Ne ho sentito parlare

- No, non la conosco

- No

- No

- No

- No

- Si e l’ho apprezzata moltissimo

- No

- No

- No

- No, non la conosco

(#ImNoAngel è l'ashtag con il quale il marchio di lingerie Lane Bryant, in data 13 aprile 2015 ha lanciato la nuova campagna pubblicitaria; campagna che prevede sia lo spot televisivo che gli scatti fotografici (effettuati da Cass Bird) e che vede come protagoniste le top model curvy del momento. La campagna è stata lanciata per dare un nuovo valore al termine plus-size e per contrastare con ironia i fisici statuari degli angeli di Victoria’s street)

12)    Quanti anni hai?

- 42

- 36

- 40

- 37

- 41

- 40

- 47

- 34

- 44

- 52

- 17

- 49

13)    Fai un complimento al tuo corpo, qui, ora, per quest’intervista

- Mi piaccio .. sono bella così come sono

- Hey, lo sai che sei troppo bono?! (sono ironico!)

- Hai ancora una certa "stabilità" (quel misto di equilibrio e stazza che ti tiene coi piedi per terra)

- Forse troppo magro ma armonioso e in sintonia con il mio carattere

- Sei ben proporzionato

- Sei morbido

- Niente male...sei in gamba!

- Nonostante tutto, sei un buon contenitore

- Hai un seno meraviglioso!

- Ti mantieni bene, malgrado gli anni e i pochi sforzi

- Che bei capelli!

- Complimenti perché sono visibili i segni di una vita vera e fantastica

14)    E fai un complimento alla tua anima, qui ora, per quest’intervista

- Qui e ora la mia anima è piena di colori

- Sei sincera!

- Sei abbastanza onesta, non sei male

- Sei Introspettiva, solare e ottimista

- Sei ricca di sfumature

- Sei seducente

- Hai imparato a volerti bene...finalmente!

- Grazie a te, mia anima, vedo tutto in modo sincero, puro

- Sei meravigliosa, ma sei nata nell’epoca sbagliata!

- Aspetto ancora di conoscere la mia anima!

- Come sei dolce e curiosa!

- Complimenti mia anima per la tua rinascita!

Se un po’ alla volta, un passo dopo l’altro riuscissimo tutti insieme a far sentire la nostra voce, facendo arrivare all’orecchio delle case di moda e dei pubblicitari (che pare si stiano accorgendo negli ultimi tempi per fortuna), che il mondo è bello perché è vario, ricordando loro che ci sono le donne magre e palestrate, gli uomini col fisico scolpito e pure le donne con la cellulite e gli uomini con la pancetta. A questo mondo ci siamo tutti e gradiremmo vederci rappresentati in tv o nelle locandine, anche noi, persone che fino ad ora siamo apparse come “da non vetrina”, con la sensazione di doverci spesso nascondere. Vogliamo poter pensare che alcuni chili in più non sono da condannare, non ci devono far vergognare. Vogliamo credere nuovamente ad un'immagine di corpi naturalmente cambiata dal tempo, dalle esperienze, dalle gravidanze.

Vogliamo goderci la primavera, senza dover fare i conti con la temutissima “prova costume”.

Non condanniamo la bellezza, non condanniamo le pubblicità, non condanniamo nulla, solo che troppo spesso non ci sentiamo rappresentati.

Vogliamo sentirci belli anche noi, senza doverci sentire “troppo” o troppo diversi.

Grazie per il tempo dedicato a questa intervista, per la simpatia e la sincerità con cui mi hanno risposto (in ordine sparso) Carmen, Mauro, Maria Rita, Giovanni, Pietro , Elvira, Miriam, Immacolata, Ramona, Veronica, Pierpaolo, Anna

Elisa Irene Anastasi