7 modi per smettere di rimandare le cose e realizzarle subito

Condivisioni
Leggi con attenzione

Quante volte è capitato di rimandare un’attività, un impegno, un esame all’università, la dieta! Di cose rimandate nella vita ognuno di noi ne ha tante! Sono cose diverse tra loro ma in comune c’è l’ansia che lascia quella cosa lasciata in sospeso e che prima o poi andrà affrontata.

7 dritte per imparare a non rimandare le cose ed iniziare ad essere orgogliosi dei propri successi e del compimento degli obiettivi prefissati!

RICORDA CHE SOTTO PRESSIONE SI LAVORA MALE

Quel brivido che si prova quando si è vicini al traguardo con i tempi ormai stretti, anzi con l’acqua alla gola, facilmente può trasformarsi in ansia. Uno stato emotivo che è capace di bloccarci proprio quando è necessario dare il colpo finale. Questo è un buon motivo per evitare di portarsi all’ultimo per terminare le cose, o l’ansia può giocare lo scherzo di bloccarci del tutto e sabotare la nostra realizzazione.


INIZIARE DALLA PARTE PIÙ DIFFICILE

Ciò che spesso blocca o mette ansia nel completare un progetto è proprio affrontare la parte più difficoltosa. Dato che richiede un maggior impegno è necessario completare, se possibile, come prima parte proprio la più difficoltosa. In questo modo diminuirà la pressione emotiva per ultimare il progetto, sarete fieri di aver affrontato alla grande ciò che vi destabilizzava e sereni per aver fatto la parte più ostica. Tutto il resto vi sembrerà decisamente più semplice e lo completerete senza troppe difficoltà.


STRATEGIA: 25 LAVORO-5 PAUSA

Questa è una strategia di gestione ottimale del tempo per evitare di affaticarsi eccessivamente e raggiungere gli impegni senza ansia o errori. Lavorare con attenzione e intensità per 25 minuti, alternati da 5 di pausa, per sorseggiare una bevanda, rispondere a un messaggio. Ma è fondamentale che quei 25 minuti siano davvero regalati nel pieno delle proprie potenzialità alla realizzazione del vostro progetto.


ACCETTARE CHE DEVE ESSERE FATTO

Farlo oggi o domani non cambia. Resta il fatto che questo progetto deve essere realizzato, e allora che aspettate? Rendersi conto che tanto prima o poi dovete sedervi sulla sedia e farlo, dovrebbe essere una motivazione abbastanza forte per iniziare subito. Le possibilità sono solo due: o lo fate adesso o lo fate adesso! Quindi cosa scegliete? Anche la saggezza proverbiale ricorda che : non rimandare a domani ciò che potresti fare oggi! Questo ci fa comprendere che procrastinare è un vizietto di tutti, e basta davvero poco per evitare accade. Ne trarrà beneficio il lavoro e il senso di appagamento e tranquillità personale


RICORDATEVI QUANTO SIA TERRIBILE RIMANDARE

Loading...

Avete presente il panico che sale quando il tempo ormai stringe e da quel progetto dipende molto per voi? Ricordate quell’ansia affinché sia il giusto deterrente per evitare che accada di nuovo. Se temete di dimenticare, scrivete tutti questi sentimenti su un post-it a portata di mano, magari attaccatelo al monitor del pc o sull’agenda. Sarà un monito molto efficace per smettere di procrastinare i propri doveri.

Leggi anche  Donne e pregiudizi: 2 storie che ti faranno riflettere

RICOMPENSATE IL VOSTRO SFORZO

Se le mini pause non sono sufficienti, iniziate a organizzare piccoli spazi per voi, per rilassarvi mentre lavorate. Un pranzo con un’amica, incontrare gli amici per l’aperitivo, dedicarvi un corso in palestra ma di quelli intensivi, che permettono di scaricare la tensione, e ossigenare corpo e mente. Proprio quello che serve per sedersi e riprendere con energia il proprio lavoro. La promessa di un premio divertente e appagante per gli obiettivi intermedi prefissati a inizio lavoro e raggiunti, può mettervi sulla buona strada e accendere il motore per arrivare al punto prestabilito per quell’orario…e se non ci riuscite? In punizione a casa a continuare il lavoro! I break devono essere meritati non una scusa per rimandare!


IMMAGINARE UNO SCENARIO PESSIMO

Spesso rimandare un progetto è dettato dalla paura di non riuscire come vorremmo o al massimo delle nostre potenzialità. È il timore di fallire che blocca le nostre capacità. Allora immaginare le conseguenze peggiori se dovessimo fallire è una tecnica da terrore ma decisamente valida per superare il timore di completare. In questo modo anziché il timore di portare a termine il progetto, sarebbe maggiore la paura di ciò che potrebbe accadere se non si facesse il proprio dovere in tempo! È una sorta di terapia d’urto: combattere una paura con una più grande!


Dopo queste 7 tecniche per imparare a non rimandare e affrontare subito ogni dovere, fate il punto della situazione e correte a compiere i vostri doveri rimandati. In fondo ognuno di noi sa quanto sia pesante avere il pensiero fisso su qualcosa che deve essere fatto, per il quale c’è sempre meno tempo, ma nonostante tutto non sia ha voglia di affrontare. E allora pensate: se lo avessi già fatto ora sarei più sereno e soddisfatto! E se questa non vi basta come motivazione per muovervi, ne avete ben altre 7 da rileggere. A voi la scelta di come riportare il senso del dovere sulla strada maestra.

 

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top