Nonostante le tante difficoltà che il mondo del lavoro ci mette di fronte durante questo periodo di grande crisi economica, non dobbiamo mollare bensì dobbiamo continuare a cercare perché, prima o poi, l’occasione di un impiego arriverà… Oppure volete semplicemente cambiare lavoro? E, quando si ha la fortuna di ricevere la fatidica chiamata in cui ci fissano un colloquio conoscitivo per capire se siete le persone adatte al lavoro proposto, come affrontare questo impegno?

 

Per poter affrontare al meglio il colloquio di lavoro ci sono fondamentalmente 10 passi essenziali ; vediamoli nel dettaglio:

  1. chiedete i recapiti ed il nome del referente al ricevimento della telefonata ed avvisate direttamente la persona nel caso di ritardi od imprevisti;
  2. raccogliete il maggior numero di informazioni che potete in merito all’azienda presso la quale dovete recarvi. Nello specifico, cercate il nome del titolare, di cosa si occupa, il motivo del nome dell’azienda o ancora qualche cenno storico sull'impresa;
  3. ripassate le parti essenziali del vostro curriculum vitae per affrontare bene le domande più frequenti che vi verranno poste. Ad esempio: “Mi parli di Lei…”, “Perché dovremmo assumerLa?”, “Perché vuole cambiare lavoro?”, “Mi parli degli studi che ha fatto?”, “Mi racconti le precedenti esperienze lavorative…”, “Perché si è candidato alla nostra offerta di lavoro?”, “Perché pensa di essere adeguato alla posizione che cerchiamo?”…;
  4. prestate attenzione al linguaggio non verbale e, più precisamente,  al vostro lato esteriore. Siate curati, prestate attenzione alla vostra igiene personale (fatevi la barba, tagliate i capelli, evitate di tingere i capelli di colori strani, profumate l’alito evitando però le gomme), vestitevi in maniera accurata ed assumete una postura sicura (schiena dritta e non gesticolate);
  5. spegnete il cellulare prima di entrare al colloquio;
  6. arrivate con un buon anticipo (almeno 5-10 minuti);
  7. mettete in preventivo che potrebbe esserci un colloquio successivo perché molte aziende utilizzano il metodo delle 2 o 3 selezioni coi vertici più alti dell’azienda soprattutto nel caso di molti pretendenti;
  8. fate attenzione a ciò che vi viene detto durante il colloquio (potrebbero farvi qualche domanda in seguito) e ponete delle domande (orari, stipendio, obbiettivi dell’azienda, mansioni che dovremmo svolgere, prodotti fabbricati);
  9. presentatevi con una stretta di mano sicura;
  10. utilizzate un tono di voce deciso e chiaro.

L’augurio e la speranza è che il colloquio abbia esito positivo ovviamente, ma non abbattetevi se così non fosse. La cosa più importante è che siate sempre voi stessi , non mentite durante il colloquio, affrontate con serenità l’attesa e non parlate mai male dei vostri precedenti datori di lavoro . Consideratela un esperienza per migliorarvi rianalizzando il vostro colloquio una fase alla volta. Continuate a tentare, a cercare, ad inviare le vostre candidature e, quando meno ve lo aspettate, la fortuna vi sorriderà. Un grosso in bocca al lupo a tutti! J