Psicologia e Selfie: perchè mettersi in posa sui social piace tanto?

Condivisioni
Leggi con attenzione

Cos’è una Selfie? In pratica è ciò che una differente generazione definirebbe “autoscatto”, ma è molto più di questo! Lo scopo di ogni Selfie che si rispetti è la condivisione con i propri amici su Facebook ed altri social network. A lanciare la moda sono state star dello spettacolo come ad esempio Paris Hilton, Kim Kardashian e Miley Cirus, che hanno contribuito a rendere celebre la cosiddetta posa “a becco di gallina”. Migliaia di adolescenti di tutto il mondo le hanno seguite a ruota, e, complice la presenza ormai costante di smartphone sempre connessi ad internet, hanno cominciato a raccontare a centinaia di utenti le proprie giornate tramite foto. 

Ma cosa c’è dietro questo costante bisogno di essere visti dagli altri?

A questa domanda ha provato a rispondere un gruppo di psicologi Statunitensi che hanno analizzato la relazione tra il tempo trascorso su Facebook e l’immagine che soprattutto le ragazze hanno di sé. Secondo i risultati della ricerca, le persone che passano tanto tempo su facebook sarebbero le più insicure riguardo a sé stesse ed al proprio aspetto fisico. Le ragazze, costantemente bombardate da foto di amici e conoscenti che si mostrano nella luce migliore, entrerebbero così in competizione, cercando di esorcizzare le proprie insicurezze scattandosi una foto. Ne consegue che, essendo alla ricerca di commenti positivi alle proprie immagini, le persone insicure ed insoddisfatte cercano rassicurazione ed accettazione sul proprio aspetto e sulla qualità della propria vita.

Le Selfie sono quindi da condannare a priori?

No, secondo Giuseppe Riva, professore di Psicologia della Comunicazione e Psicologia e Nuove Tecnologie della Comunicazione presso l’Università Cattolica. In una sua ricerca mostra una visione molto più rosea dell’utilizzo di social network da parte degli italiani, essi sarebbero l’equivalente virtuale dei luoghi di aggregazione del passato, e verrebbero a costituire il contesto in cui la natura socievole degli italiani può esprimersi al meglio.

Loading...
Leggi anche  5 Armi che Possiedi per Combattere la Depressione

Secondo i partecipanti , lo scopo di una Selfie è “far ridere e divertire gli altri”( 39%), “vanità” (30%) e “raccontare un momento della propria vita” (21%). Da questa ricerca emerge inoltre che l’abitudine alla Selfie trova maggior successo tra le donne, che risultano interessate anche a mostrare i propri stati interiori (“voglio mostrare agli altri come mi sento”). Le donne sarebbero inoltre più sensibili ai commenti ricevuti, e più inclini a reagire male davanti ad un commento negativo. Infine, secondo il prof Riva, le persone che si fanno molte selfie non sarebbero affatto insicure ed introverse, ma al contrario più estroverse, socievoli ed entusiaste della media.

In conclusione, in quest’epoca dominata dai social network, quella del selfie è una pratica che incontriamo tutti i giorni. Ma è una pratica positiva o negativa?

Voi che ne pensate?

Articoli da leggere:

Loading...
loading...
Advertisement
Top