“Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi” e a Pasquetta che facciamo? La tradizione vuole che il lunedì dopo Pasqua sia il giorno dedicato alle gite fuoriporta in compagnia: pic nic, scampagnate, ma anche after party e attività più insolite…in ogni caso l’importante è staccare la spina. E voi avete già deciso cosa fare? Se non ci avete ancora pensato mettetevi comodi e leggete le nostre idee.

1.Pic nic nel parco

Rimanere in città, evitando lo stress da spostamento, non è un problema. Bastano un parco, l’occorrente per un pic nic, un pallone, le carte o giochi di società e ovviamente una buona scorta di bevande…Non dimenticate: piatti, posate e bicchieri di carta, un paio di coltelli affilati, coperta, apribottiglie e un thermos per tenere il caffè caldo.  Da mangiare, preparate qualcosa di semplice come panini, frittate, torte salate, e un primo freddo come una pasta fredda, ma non disdegnate neanche l’idea di riciclare gli avanzi del pranzo pasquale, portate ovviamente cibi che possano essere mangiati anche a temperatura ambiente. quindi salumi vari, roast-beaf, colomba, uova di cioccolato.

 

2.Ultima sciata                                                                                                                                                                                                                   

Approfittate degli ultimi giorni di apertura degli impianti sciistici per trascorrere la Pasquetta. Se la neve è poca o acquosa potrete sempre sedervi su una sdraio e godervi i caldi raggi del primo sole primaverile. Non scordate una buona crema protettiva e state attenti a non mantenere gli occhiali da sole durante l’abbronzatura  se non volete rischiare di l’aspetto panda tipico del maestro di sci! Ma finita l’esposizione al sole occhiali sempre sul naso: ricordate di proteggere i vostri occhi!

 

 

 

3. Gita fuoriporta

Colline,  la campagna o il mare in primavera sono tutti luoghi meravigliosi: la vegetazione inizia a risvegliarsi, il clima non troppo caldo è ideale per trascorrere una giornata in pieno relax. L’unico problema è riuscire ad arrivarci…le code per raggiungere le mete più gettonate di Pasquetta sono prese d’assalto e per non passare la giornata in macchina, partite il mattino presto e tornate molto tardi. Oppure potete optare per destinazioni alternative come ad esempio una zona di campagna che conoscete in pochi.

 

4. Pranzo in agriturismo

Un’ottima occasione per unire alla classica gita fuoriporta la scoperta delle specialità della buona cucina. Il pranzo tipico di Pasquetta in agriturismo dovrà essere necessariamente a base di pietanze tradizionali,  caratterizzati da ottimi primi piatti e secondi a base di carne, soprattutto agnello. Non mancheranno antipasti  di formaggi, salumi, torte salate, legumi e primizie 

dell’orto. Posto d’onore per gli immancabili dolci che variano a seconda della zona geografica: colomba, pastiera napoletana, cassata siciliana e molto altro. Ovviamente tutto sarà 

Loading...

rigorosamente biologico.

5. Arte e cultura

La gita di Pasquetta può trasformasi benissimo in un week end lungo dedicato alla scoperta dei luoghi d’arte poco conosciuti. La nostra bella Italia infatti non è solo patria delle più famose e grandi città conosciute in tutto il mondo, ci sono tanti piccoli borghi da scoprire. Vi immergerete tra castelli, ville e giardini storici, nei quali spesso si organizzano iniziative tipiche per il giorno di Pasuqetta con giochi e tour guidati. Se vi spostate con dei bambini è la meta ideale.