Cosa vedere a Malaga in due giorni

Cosa vedere a Malaga in due giorni

Malaga è una città che si trova nel sud della Spagna, più precisamente nella comunità autonoma dell’Andalusia. Se hai sentito parlare della capitale della Costa del Sol, si tratta proprio di questa splendida e solare città, caratterizzata da una bellezza e un fascino che la rendono molto più di un luogo di mare. Infatti presenta delle attrazioni uniche e delle peculiarità che la contraddistinguono dalle altre città spagnole, come la Fortezza di Alcazaba, di epoca musulmana, di cui avrai sicuramente sentito parlare, oppure tutti i musei e le testimonianze di Pablo Picasso, artista nato proprio a Malaga. Noto per la sua vivacità, in questo paradiso dell’Andalusia, i luoghi d’interesse sono molti e si tratta di una città famosa anche per i numerosi festival organizzati, per le sue meravigliose spiagge, i resort e i campi da golf conosciuti in tutto il mondo.

Dopo Siviglia, è la seconda città più importante della regione, ricca di elementi affascinanti, per questo vogliamo farti scoprire cosa vedere a Malaga, raccontandoti quali sono le attrazioni migliori. I musei e i monumenti sono parecchi, vediamo quelli principali, e anche il divertimento è assicurato; il turismo di questa città si è sviluppato ed è molto vario, la visita sarà sicuramente piacevole.

Cosa vedere a Malaga in due giorni

Alcazaba

Se hai intenzione di programmare un viaggio di soli due giorni in Spagna, a Malaga, non disperare, anche un breve week end in questa città può risultare comunque molto interessante e divertente, l’importante è sapere quali sono quelle cose che non puoi assolutamente non vedere a Malaga. Prima tra tutti l’Alcazaba, tutti ne parlano e chiunque l’abbia vista ne è rimasto estremamente affascinato. Si raggiunge facilmente dal centro e in una mezz’oretta è possibile visitare gli interni completamente. Si tratta di una fortezza di epoca musulmana, le cui possenti mura sono visibili da qualsiasi punto della città. Presenta al suo interno meravigliosi giardini con porte e fontane costruite dagli arabi, oltre al palazzo e alle dimore maestose. Si trova nei pressi del Castello di Gibralfaro, situato sull’omonimo colle, un palazzo maestoso, un punto di riferimento per la città. Si tratta di una costruzione di natura bellica, con torri di avvistamento rimaste intatte e bastioni presenti ancora oggi. Anch’esso necessita di una trentina di minuti per la visita.

Il Teatro Romano

Ai suoi piedi c’è un altro importante monumento, il Teatro Romano, l’ingresso è gratuito e la visita è breve ma davvero interessante, si tratta di uno dei maggiori punti di riferimento per il turismo di Malaga. L’anfiteatro è conservato in maniera perfetta e testimonia il passaggio degli antichi romani, sono rimasti intatti tutti i livelli dei posti a sedere e al suo interno ci sono alcuni reperti storici interessanti.

La Cattedrale

Malaga Cattedrale - notturno

Altra visita obbligatoria la merita la Cattedrale di Malaga, dedicata all’Incarnazione, che offre un bell’accostamento tra elementi rinascimentali e barocchi, chiamata dagli abitanti la Monqueta, ovvero la monchetta, perchè è rimasta incompleta, senza la torre a sud. Una volta visitata la Cattedrale, potrete anche passeggiare per il centro della città e magari bere la famosa Cerveza, la birra tipica.

Leggi anche  Viaggio in Lapponia a casa di Babbo Natale

I Musei

Il secondo giorno lo potete dedicare ai musei, i più importanti sono quello di Picasso, il Thyssen e il Pompidou; se sei un amante dell’arte, è consigliatissimo vederli tutti e tre. Pablo Picasso è il noto pittore e scultore nato proprio a Malaga, a cui infatti sono dedicate diverse mostre; in città è presente anche la sua casa natale, visitabile, con all’interno alcune delle sue prime opere.

Loading...

La Playa de la Malaqueta

Dopo l’immersione nell’arte e nella cultura, godetevi il Muelle Uno, il lungomare della città, ricco di negozi e bar dove prendersi tranquillamente un caffè, nei pressi del quale si trova la Playa de la Malagueta, tre le più conosciute e importanti di tutta l’Andalusia.

Quelle descritte sono le tappe fondamentali che non potete perdervi se fate un breve viaggio a Malaga, che in soli due giorni riuscite a vedere.

Per un’immersione completa nella città di Malaga, in Spagna, vi elenchiamo quali sono tutti i maggiori punti dinteresse, oltre a quelli che abbiamo già citato nel testo ti proponiamo un elenco di tutte le cose che vale la pena vedere a Malaga:

  • il Museo del Vetro: realizzato all’interno di una piccola abitazione del 1700, mostra una collezione di oggetti in vetro risalenti a differenti epoche antiche;
  • il Mercato di Atarazanas: uno dei principali luoghi d’incontro della città, caratterizzato da una ricca vitalità e da prodotti freschi e genuini;
  • il Parque de Malaga: una meravigliosa distesa verde nel cuore della città, con suggestive statue, fontane e sculture delle epoche barocca e rinascimentale;
  • il Museo dell’Automobile e della Moda: una delle attrazioni più affascinanti per gli amanti di moda e motori, una collezione di 100 auto dagli anni ’20 agli anni ’50 e 7 gallerie d’alta moda;
  • lo Stadio de La Rosaleda: il campo dove gioca il Malaga Football Club, nella prima divisione da quasi un decennio;
  • campi da golf: su tutta la costa e famosi nel mondo intero;
  • le spiagge: oltre alla citata Malagueta, altre belle spiagge in cui poter passare la giornata sono Torremolinos, Loa Alamos, La Misericordia.

Ami viaggiare in aereo? Allora devi sapere le nuove regole bagagli Ryanair del 2018

Articoli da leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su