La primavera, com'è noto, risveglia i sensi, ci dà la carica, ci fa ripartire e ci proietta verso l’estate. 

Siete sicuri che il vostro corpo sia consapevole di questo risveglio? Molto spesso la mente lo è, ma a volte non va di pari passo con il corpo. E' per questo che dobbiamo prepararci al meglio e depurarci. 

E' nella locuzione latina di Giovenale (poeta dell’antica Roma) che troviamo il senso del prenderci cura di noi stessi: mens sana in corpore sano

dalla sua interpretazione moderna si evince che per avere un’anima sana, bisogna avere un corpo altrettanto sano in virtù di quell'unità psicofisica ricercata un po’ da tutti. 

 Quindi, aumenta la temperatura e le giornate diventano più lunghe, c’è più luce, e questa agisce sul nostro sistema neuro-ormonale rendendolo più dinamico. 

Tutto questo comporta un aumento di carico per il fegato, che deve depurarsi dall'accumulo di scorie del periodo invernale, (soprattutto delle scorie derivanti dai farmaci, molto presenti durante l’inverno), e quindi a sua volta fa affidamento sull'intestino e lo sovraccarica di lavoro   - c’è tanto da smaltire. 

Depurarlo è importante , soprattutto per la funzione metabolica che svolge, ma anche per avere un sistema immunitario più efficiente, per una regolarizzazione intestinale e … udite, udite: sapevate che un fegato sano migliora la lucentezza dei capelli, della pelle e delle unghie? Ebbene si! E, non per ultimo, aiuta a smaltire i chili in eccesso , proprio per l’eliminazione di quelle brutte tossine che favoriscono la ritenzione idrica e la cellulite

E noi in tutto questo che ruolo svolgiamo? Siamo inermi a guardare ed aspettare che faccia tutto da solo, oppure vogliamo dargli una mano? 

Certo che si, anche noi dobbiamo contribuire a questo faticoso processo e quindi: frutta e verdura a volontà, cereali integrali e frutta secca e mi raccomando bere tanta, tanta acqua. Moderiamo il consumo di carne rossa, pasta, pane, insaccati e alcool. Poca frittura e pochi grassi, soprattutto quelli saturi e quelli animali. 

Ora vediamo brevemente quali sono, invece, i rimedi naturali che più aiutano nell'azione depurante per il fegato: 

   

1.      Il cardo mariano   

 E’ una pianta erbacea costituita da una rosa di foglie spinose che cresce spontanea in tutta la Macchia Mediterranea. In estate i suoi fiori maturano e diventano di colore rosso porpora, mentre i frutti, degli acheni allungati, diventano di colore nero, macchiati di giallo. Ci sono delle zone in cui viene coltivata. Può essere utilizzato in decotto, versando i semi in acqua fredda e portandola ad ebollizione per circa 10 minuti, dopodiché va filtrato e bevuto lontano dai pasti. L’uso del cardo mariano è controindicato nei soggetti affetti da ipertensione per via della tiramina presente nel cardo.   

2.      Acqua e limone   

E’ considerato un toccasana bere un bicchiere di acqua calda con l’aggiunta di limone al mattino per depurare il fegato ed eliminare le tossine dal nostro corpo.

3.      Tarassaco   

E’ una radice  dalle ottime proprietà depurative, in quanto stimola la funzione biliare, epatica e renale. Favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso stimolando la diuresi. Utilizzato sotto forma di infusi e decotti è un buon rimedio per purificare il fegato.    

4.      Succo Aloe Vera    

Il succo di Aloe Vera oltre a favorire la regolarizzazione delle funzioni epatiche, migliora la digestione ed il transito intestinale. E’ anch'esso un rimedio utile per depurare il fegato.    

5.      La linfa di Betulla     

E’ un antico rimedio utilizzato in primavera per aiutare l’organismo a depurarsi dopo l’inverno. Tante le popolazioni europee che erano solite recarsi, dopo l’inverno, nelle zone ricche di betulle, con i loro secchi e coltelli per farsi una scorta di questa preziosa linfa. Assunto ogni mattina da notevoli benefici disintossicati e drenanti ed è un ottimo rimedio depurativo naturale.   

Questi sono pochi consigli rispetto a quanti il panorama del benessere ne offra, ma sono anche i più efficaci ed i più semplici. Basta seguire, e non solo in primavera, le tre regole basilari al fine di un di un corretto funzionamento degli organi vitali: una vita sana, con un’alimentazione varia ed equilibrata e del movimento fisico.